Comunicazione di servizio: il blog non è più attivo e aggiornato dal 22 ottobre 2015

Questo blog (non ufficiale!) è dedicato al festival di cultura e musica dell'America degli anni '40 e '50 che si svolge tutti gli anni in agosto a Senigallia - Riviera Adriatica.
Reportages, news, programmi, personaggi, racconti, appuntamenti e pensieri sparsi con un unico comune denominatore:
il (mio) Summer Jamboree!
Google
 

giovedì 6 agosto 2009

Summer Jamboree: "Noi che al Festival abbiamo messo su famiglia"

Fonte: VivereSenigallia del 06/08/2009

di Giulia Mancinelli
penelope@viveresenigallia.it

Non solo musica e balli sfrenati. Al Summer Jamboree si fa festa, ci si diverte, ci si tuffa in un passato mitico e spesso ci si innamora anche.

Il festival della musica e della cultura dell'America degli anni '40 e '50, che si tiene sulla spiaggia di velluto dal 14 al 23 agosto, festeggia quest'anno il primo decennale. E di gente sì che n'è passata. Storie di tutti giorni ma anche di "ordinaria" follia. Come Samui, la giapponesina che per tre anni ha attraversato mezzo mondo per non mancare all'appuntamento con il festival. O quello di Irma e Iolanda, due arzille ultrasettantenni di Bologna che ogni anno chiedono anzitempo anticipazioni sulle band protagoniste del Summer Jamboree e scoprire così se sono o meno di loro gradimento.

Su una media di 150 mila spettatori a edizione, gli appassionati che vivono quotidianamente alla Elvis, con tanto di ciuffo e camicia a scacchi, o le pin up più indomite, con frangette e mise a pois, non saranno più di 5 o 6 mila. E tutti gli altri? Sono gli "insospettabili" del Summer Jamboree, amanti del rock'n'roll e della Cadillac, giovani che si sono lasciati contagiare dalla magia di un ventennio che hanno visto solo nei film o più semplicemente cameleontici trasformisti, pronti ad abbandonare la contemporaneità per un viaggio a ritroso nel tempo. Arrivano dalla Russia, oltre che dall'Europa, dagli Usa, ma anche dall'Australia e addirittura dalle Hawaii. Storie destinate anche a lasciare un segno e proseguire nel futuro del Summer Jamboree.

Come nel caso di Marco e Grazia Sarti, una coppia di Reggio Emilia, cui il festival ha portato particolarmente fortuna. Da veri appassionati rockabilly, non hanno mai perso una edizione del Summer Jamboree ma quella del 2002 è stata la più prolifica. Nel senso più letterale del termine. Una settimana trascorsa tra balli, feste hawaiane e sano rock'n'roll sotto il cielo stellato della spiaggia di velluto. E dopo nove mesi la sorpresa. A maggio del 2003 è nato Davide e la famiglia rockabilly è cresciuta.

"Il Summer Jamboree ci è rimasto nel cuore e ci ha detto davvero bene -racconta il 38enne Marco Sarti- non ci siamo mai persi un appuntamento con il Summer Jamboree ma l'edizione di sette anni fa resterà per noi memorabile. È quella in cui abbiamo concepito nostro figlio Davide, che oggi ha sei anni. Io e mia moglie Grazia ci siamo conosciuto anni fa, neanche a dirlo, ad un festa rockabilly. Ci siamo innamorato e poi sposati. Nel 1999 abbiamo partecipato alla prima edizione del Summer Jamboree e da allora siamo sempre tornati a Senigallia. Da quando c'è Davide ovviamente veniamo in tre".

E come nelle migliori famiglie, anche il nuovo arrivato è in perfetto stile anni '50. "Ovviamente anche Davide segue i gusti di mamma e papà e si diverte anche -aggiunge Marco- ci segue sempre al Summer Jamboree e anche quest'anno non vediamo l'ora che arrivi il fatidico momento".

Nessun commento:

Posta un commento