Comunicazione di servizio: il blog non è più attivo e aggiornato dal 22 ottobre 2015

Questo blog (non ufficiale!) è dedicato al festival di cultura e musica dell'America degli anni '40 e '50 che si svolge tutti gli anni in agosto a Senigallia - Riviera Adriatica.
Reportages, news, programmi, personaggi, racconti, appuntamenti e pensieri sparsi con un unico comune denominatore:
il (mio) Summer Jamboree!
Google
 

venerdì 29 luglio 2011

saranno anche i piccantissimi e deliziosi sapori dell'America multietnica a "condire" le giornate del Summer Jamboree #12

Fino al 7 agosto, musica live, djs set, dance party, dopofestival, feste in spiaggia, tengono alta la baldoria del “Summer Jamboree” a Senigallia (Marche – AN), XII edizione.
Se tanta attività mette appetito, niente paura, c'è il Cajun and Tex Mex Diner, aperto per tutta la durata del Festival.
I profumi delle prelibatezze dell'America multietnica inserite nel menù cominceranno a spandersi già nella sera del 29 luglio, grazie alla pre Summer Jamboree Night all'Unicredit stage, con djs e il live di Laralù and the Vintage Kings (ITA).

L'atmosfera che si respira al Diner è infatti la stessa che caratterizza la manifestazione, tra voglia di divertirsi e di ballare sull'onda rock and roll, spesso con esibizioni improvvisate anche tra i tavoli.
Un po' come racconta Pino Cacucci nel libro La polvere Messico, a proposito delle cantinas messicane come "tempio dello stare insieme": "i gruppi seduti comunicano e si sfidano a colpi di ballate ranchere, si pagano canzoni per lanciare un messaggio, per lanciare una sfida, per ottenere rispetto. [...] Alla fine la sfida si risolve con l’invito a bere e mangiare tacos tutti allo stesso tavolo e grandi pacche sulle spalle".
Punto di riferimento irrinunciabile dunque per chi è in cerca di sapori forti e divertimento, il Cajun and Tex Mex Diner non è un semplice punto di ristoro, ma un luogo dove il cibo torna a essere parte di un rito più grande.
I sapori proposti in menù da uno chef esperto e attento conoscitore di questa cucina come Andrea Caferri, affiancato dal suo staff, al ristorante in Piazza del Duca e ai Giardini della Rocca, hanno carattere da vendere.
La novità di quest'anno è il taco de chochinita pibil, un piatto tipico della penisola messicana dello Yucatan. La chochinita è il maiale che viene arrostito dopo averlo marinato con succo d’arancio e pasta di achiote (rossa e ottenuta da un impasto di semi di achiote). Il tutto viene servito con insalata e piccole rondelle di peperoncino habanero fresco, il mitico peperoncino messicano più famoso, aromatico e piccante.
Immancabile la cucina della Louisiana, a cominciare dalla jambalaya, tanto gustosa e apprezzata da diventare anche il titolo di una bellissima canzone del padre del country Hank Williams.
Ci saranno poi le Enchiladas a base di tomatillos e chipotle. I primi sono una sorta di pomodori verdi tipici del Messico, mentre i chipotle sono peperoncini di montagna affumicati e cotti nella salsa di pomodoro, dal sapore unico e inconfondibile.
Da gustare anche le mitiche cipolle fritte giganti, le fajitas, la quesadilla ranchera, il chili con carne e molto altro ancora. Nella paninoteca troveranno posto i bagel, ciambelle salate moto diffuse nella costa nord atlantica degli Usa, con crema al formaggio e gamberi, i “caldi” red hot jalapenos, ovvero peperoncini jalapenos impanati e fritti, ripieni di crema al formaggio.
Chi al piccante preferisce il dolce, non avrà che l'imbarazzo della scelta, grazie alle golosità più tradizionali d’America: la pecan pie, il dolce più famoso del sud preparato con le prelibate noci pecan; la torta al cioccolato cremosa; lo storico cheesecake; i gustosi brownies e le mele caramellate al cioccolato.
Tante le proposte anche alla caffetteria, come i cocktail delle Hawaii Mauna Kea Orange e Alhoa linda.

Immancabile il menù "Tu vuò fa' l'Americano" che propone piatti decisamente più tradizionali, tra cui la frittura di pesce dell’Adriatico, sardoncini fritti con verdure, spaghetti con carbonara di mare, al cacio e pepe, alla romana, passando per gli arancini siciliani.

Nessun commento:

Posta un commento