Comunicazione di servizio: il blog non è più attivo e aggiornato dal 22 ottobre 2015

Questo blog (non ufficiale!) è dedicato al festival di cultura e musica dell'America degli anni '40 e '50 che si svolge tutti gli anni in agosto a Senigallia - Riviera Adriatica.
Reportages, news, programmi, personaggi, racconti, appuntamenti e pensieri sparsi con un unico comune denominatore:
il (mio) Summer Jamboree!
Google
 

martedì 9 agosto 2011

Lloyd Price: un emozionante tuffo nelle origini del rock and roll

Ha regalato un emozionante tuffo nelle origini del rock and roll, il main event di venerdì 5 agosto al "Summer Jamboree" di Senigallia (Marche – AN).
Le oltre 2200 persone che hanno cantato e applaudito l'esclusiva europea del leggendario Lloyd Price (USA), aperta dal fenomenale giovane Si Cranstoun (UK), si sono infatti resi conto di stare al cospetto di un vero pioniere del rock and roll.

Canon EOS 7D - Canon EOS 7D - Canon EF35 F2.0
1/160 - F2.0 - ISO1.250 @ 35 mm.

Quando Lloyd Price esordì con "Lawdy Miss Clawdy", diventato poi un classico ripreso in centinaia di versioni, il rock and roll ancora non esisteva. Era il 1952.
E sentirlo raccontare dalla voce del diretto interessato, che di fatto aprì le porte alla rivoluzione degli anni Cinquanta, ha emozionato e impressionato il pubblico sotto e dietro il palco.
"Tutto questo avveniva all'inizio, quando ancora non c'era niente" ha infatti detto Price stesso, prima di intonare quel classico, ripreso da Elvis fra gli altri. Lo sapeva bene Big Sandy, venerdì sera in veste di presentatore: "Ne ho presentati tanti di artisti finora – ha esordito – ma forse questo è in assoluto il più importante... Ladies and Gentlemen, Lloyd Price!".

Voce calda, gran classe sul palco, il concerto di Price è stato anche un saggio della "mano nera", senza la quale la mano bianca non avrebbe potuto far nascere da sola il rock and roll. Un esempio chiaro e indiscutibile della componente interraziale che rende il rock and roll un fenomeno rivoluzionario anche a livello sociale, oltre che musicale.
Price ha proposto un bel repertorio misto di pezzi, con anche qualche slow. In scaletta anche "I'm Gonna Get Married" e immancabile "Personality", che Price ha cantato rilanciando il ritornello al pubblico, ben contento di essere coinvolto come coro.

Canon EOS 7D - Canon EOS 7D - Canon EF35 F2.0
1/160 - F2.0 - ISO1.250 @ 35 mm.

L'atmosfera caldissima che ha accolto Price è stata disegnata senz'altro dall'artista chiamato ad aprire il concerto: Si Cranstoun (UK), per cui il "Summer Jamboree è il festival più bello del mondo" ha dichiarato dal palco.
Voce formidabile, bravo cantante, ballerino e compositore, Cranstoun ha acceso il pubblico con il suo maggior successo "Dynamo", una hit in costante ascesa, richiesta anche come bis. Onorato di aprire il main event del Summer Jamboree con un riferimento del genere come Price, Cranstoun si è anche detto contento di partecipare a un evento "speciale" come il Festival Internazionale di Musica e Cultura dell'America anni '40 e '50. Tanto contento da aver preparato per l'occasione due nuovi pezzi, presentati in anteprima, di cui uno espressamente dedicato al Summer Jamboree, "Italian Eyes" che d'ora in poi sarà in rotazione.
Omaggio anche a Jackie Wilson, di cui Cranstoun ha appreso perfettamente l'arte, con la famosissima "Reet Petite". In grandissima forma anche i Good Fellas, house band del "Summer Jamboree" che da anni ormai contribuisce alla qualità dei main event del Festival.

Nessun commento:

Posta un commento